Partecipa al concorso! Giornata mondiale bambine e ragazze

In occasione della giornata mondiale delle bambine e delle ragazze dell’11 ottobre diamo il via ad un concorso rivolto alle scuole elementari e medie che si concluderà a novembre con la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Inviaci il tuo disegno, la tua poesia, la tua canzone in chiave rap o quello che vuoi tu, ispirandoti alla storia di Franca Viola.

I lavori saranno pubblicati in una sezione dedicata del sito dell’Associazione. Alla vincitrice/vincitore un premio speciale!

SCADENZA INVIO LAVORI: 20 NOVEMBRE

Contattaci per informazioni e invia il lavoro a info@donnaediritti.it

#donnaediritti #elementari #medie #concorso

Ripartono i percorsi di salute e benessere con il Nordic Walking

Ripartono i percorsi di benessere con il Nordic Walking!

Per capire cos’è il Nordic Walking non c’è niente di meglio che vedere e camminare insieme.

I incontro per Percorso Adulti e Over:

🟢 quando l’8 ottobre alle ore 18

🟢 ingresso Villa Pamphili – San Pancrazio Roma

🟢 i bastoni te li diamo noi

Contattaci per aderire, per informazioni e per le prossime date

📞 3405961294

📧 info@donnaediritti.it

#donnaediritti #nordicwalking #progettosaluteebenessere #villapamphili

Nordic Walking Genitori – Figli

A grande richiesta sabato 15 maggio nuovo appuntamento genitori figli per camminare insieme in mezzo alla natura. Appuntamento alle ore 10.00 ingresso via Vitellia 102.

I prossimi appuntamenti: domenica 23 maggio e Domenica 6 giugno  – ore 10 – Villa Pamphili

Per informazioni e prenotazioni contattateci!

#donnaediritti #nordicwalking #progettosaluteebenessere #fuoriceilsole #genitoriefigli

Laboratorio Scrittura Creativa – II livello

Al via un terzo ciclo di incontri!

Lunedì 12 aprile è partito il II livello del Laboratorio di Scrittura Creativa a cura di Ester Iandoli, scrittrice, giornalista ed Insegnante. Un ciclo di 4 incontri attorno alla costruzione del personaggio!

#crescereinsieme #scritturacreativa #donnaediritti #benessere #creatività

Partecipazione al Webinar “La tutela della vittima vulnerabile”

Il nostro Presidente avrà il piacere di aprire le relazioni del webinar del 22 aprile prossimo “La tutela della vittima vulnerabile”.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

Disponibili tutti i materiali del Webinar su Ripresa e Innovazione Sostenibile

Tutti i materiali del webinar realizzato su Ripresa e Innovazione Sostenibile realizzato lo scorso 19 gennaio con il Sole 24Ore sono disponibili sul sito dell’Associazione (https://www.donnaediritti.it/servizi-e-attivita).

Ancora un grandissimo ringraziamento ai partecipanti, ai preziosissimi contributi dei relatori ed al partner dell’iniziativa, Gruppo Sole 24Ore.  

Al via il secondo ciclo dei Laboratori di Scrittura Creativa – Seconda Stella a Destra!

Diritti in pillole #4_Violenza domestica

Il genitore sociale: vincoli affettivi e tutela dei minori

Non possiamo non tenere in considerazione come in questi anni l’originario nucleo padre e madre uniti in matrimonio con uno o più figli stia piano piano lasciando posto a diverse forme di rapporti con i minori, che danno vita a nuovi modelli di genitorialità. Sarebbe lungo elencare e spiegare tutte le varie e diverse forme che la norma, la giurisprudenza e la prassi ci presentano per adattarsi al mutare della famiglia come nucleo sociale primario, con tutte le conseguenti diverse forme di tutela prevista dalla normativa vigente o dalla giurisprudenza che si è sviluppata attorno ai casi concreti.

Vorrei, quindi, partire dal racconto di una storia vera, posta all’attenzione del Tribunale di Como, chiamato a risolvere una questione riguardante l’affidamento della figlia minore di una coppia, la quale, in esito al disconoscimento di paternità nel frattempo verificatosi, è risultata essere figlia biologica della sola madre. La madre ne ha domandato l’affidamento in via esclusiva, con collocamento presso la propria abitazione. Il Tribunale, nel decidere, ha ancora una volta sottolineato l’importanza della tutela del primario interesse della minore, in questo caso volta a conservare il legame affettivo instaurato con il proprio genitore di fatto, il quale, nonostante mancasse il legame di sangue con la bambina, rappresenta per lei il riferimento più importante e, comunque, la sola figura paterna che abbia mai riconosciuto come tale.

Il minore, dunque, deve essere tutelato ex art.333 c.c. dalle conseguenze pregiudizievoli, per la sua crescita, del conflitto coniugale, che rischia di allontanarlo, una volta disgregato il nucleo familiare, dalla figura del “genitore sociale”, atteso l’interesse dei minori alla stabilità dei legami affettivi con le persone con cui hanno vissuto e alla costituzione di uno stato giuridico corrispondente al rapporto di fatto consolidato nel tempo. Pertanto esaminata la capacità genitoriale dell’uomo il Tribunale nel tentativo di evitare che la madre ponesse in essere nuove condotte oppositive nei confronti del padre – già in precedenza attuate, contrariamente al suo dovere di preservare il diritto della figlia di godere del rapporto intrattenuto con il genitore sociale- decideva di collocare la bambina in via prioritaria presso l’abitazione del padre non biologico, con possibilità di frequentazione da parte della madre.

Un modello genitoriale quello della genitorialità sociale che trova il suo riconoscimento anche nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo, che promuove quindi un’idea di famiglia come nucleo cementato da vincoli affettivi forti, non necessariamente sorretti dalla relazione biologica. Secondo la Corte europea dei Diritti dell’Uomo, nel valutare l’esistenza di legami familiari si deve tenere conto dei concreti rapporti personali sereni, adeguati, che tengano in realtà conto dell’interesse e delle necessità dei loro figli.